Al teatro Talia di Tagliacozzo si parla dell’apporto delle Medical Humanities alla medicina

Tagliacozzo. Si terrà venerdì dalle 9 alle 18 al Teatro Talia di Tagliacozzo, il convegno promosso ed organizzato dalle Case di Cura “Di Lorenzo” di Avezzano e “Nova Salus” di Trasacco sull’apporto delle Medical Humanities alla medicina, ovvero delle scienze umane all’arte della cura. L’evento, del quale è direttore e responsabile scientifico Alessandro Franceschini, si colloca in un progetto più ampio di formazione voluto dall’amministratore unico della Clinica di Avezzano Lucia Di Lorenzo, finalizzato ad aumentare la qualità della relazione medico-paziente e a ridurre il rischio clinico anche attraverso la pratica della medicina basata sulla narrazione.

Link all'articolo completo

Convegno medico-scientifico sull'apporto delle Medical Humanities all'arte della cura

COMUNICATO STAMPA

Si terrà venerdì 16 Febbraio dalle 9 alle 18 presso il Teatro Talia di Tagliacozzo, il convegno promosso ed organizzato dalle Case di Cura “Di Lorenzo” di Avezzano e “Nova Salus” di Trasacco sull’apporto delle Medical Humanities alla medicina, ovvero delle scienze umane all’arte della cura. L’evento, del quale è direttore e responsabile scientifico Alessandro Franceschini, si colloca in un progetto più ampio di formazione voluto dall’amministratore unico della Clinica di Avezzano Lucia Di Lorenzo, finalizzato ad aumentare la qualità della relazione medico-paziente e a ridurre il rischio clinico anche attraverso la pratica della medicina basata sulla narrazione.

La conduzione dei lavori sarà gestita con l’aiuto di Stella Carella dell’Università Europea di Roma, seguendo gli interventi di esponenti del mondo accademico e scientifico che si confronteranno a più riprese intorno ai temi relativi alle Medical Humanities. Primo ad intervenire sarà Sandro Spinsanti dell’Istituto Giano di Roma, già presidente della giuria della conferenza di consenso sulla medicina narrativa promossa nel 2014 dall’Istituto Superiore di Sanità, che presenterà l’affascinante tema del rapporto tra ricerca scientifica e umanistica. Prenderà poi la parola Simona Gasparetti, filosofa e formatrice dell’Università Roma Tre, che indagherà il tema dell’alleanza terapeutica. Seguirà Fabrizio Consorti, docente della Sapienza, chirurgo del Policlinico Umberto I di Roma e presidente della Società Italiana di Pedagogia Medica, che metterà in evidenza l’integrazione della medicina basata sulle prove di efficacia con quella basata sulla narrazione. Nicoletta Suter del Centro di Riferimento Oncologico di Aviano, porterà la propria esperienza riguardo progetti e buone prassi per la dignità della cura. Infine interverrà Arianna Caputo dell’Università Federico II di Napoli, presentando per la prima volta i risultati di una innovativa ricerca condotta tra Italia e Spagna sulle evidenze relative all’uso di pratiche narrative nell’ambito delle cure palliative.

Nel pomeriggio ci sarà l’occasione di procedere con attività che coinvolgeranno tutti i partecipanti in forma laboratoriale, attraverso il contributo della storica dell’arte Vincenza Ferrara della Sapienza di Roma per quanto riguarda l’applicazione dell’arte figurativa alla pedagogia medica, di Simona Gasparetti che proporrà un gruppo su letteratura e medicina e di Francesca Fava del Campus Biomedico di Roma che, da attrice, coinvolgerà i partecipanti in un’esperienza incentrata su tecniche teatrali e di recitazione per amplificare alcune competenze relazionali richieste agli operatori sanitari, quali la fiducia e l’empatia.

I lavori si concluderanno con una tavola rotonda alla quale prenderanno parte tutti i relatori e con alcune comunicazioni relative al concorso di arte e medicina “Fragmenta Curae” indetto sempre dalla Casa di Cura “Di Lorenzo” al fine di promuovere la narrazione di vissuti di malattia e di cura attraverso l’arte. È prevista la partecipazione al convegno di oltre cento professionisti della salute e di altrettanti studenti del corso di laurea in Medicina e Chirurgia dell’Università dell’Aquila.

L’evento formativo è stato riconosciuto valido ai fini della formazione continua in medicina ed è patrocinato da: Presidenza del Consiglio della Regione Abruzzo, Città di Avezzano, Città di Tagliacozzo, ASL 1 Abruzzo Avezzano-Sulmona-L’Aquila, MESVA - Dipartimento di Medicina Clinica Sanità Pubblica Scienze della Vita e dell’Ambiente dell’Università degli Studi de L’Aquila, SIPeM - Società Italiana di Pedagogia Medica, SIMeN - Società Italiana di Medicina Narrativa, ASSIMSS - Associazione Italiana di Medicina e Sanità Sistemica, CRI - Croce Rossa Italiana, Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri de L’Aquila, IPASVI - Collegio degli Infermieri della Provincia de L’Aquila.

L’appuntamento in programma è inserito anche tra gli eventi della Scuola Diffusa di Medical Humanities della SIPeM (Società Italiana di Pedagogia Medica). La segreteria organizzativa congressuale è coordinata da Monica Petrilli della Nova Salus s.r.l. Provider AGE.NA.S.

L’apporto delle Medical Humanities all'arte della cura

Evento E.C.M. n. 16-1837

L’APPORTO DELLE MEDICAL HUMANITIES ALL’ARTE DELLA CURA

16 Febbraio 2018 – Teatro Talia, Tagliacozzo (AQ)

Responsabile scientifico: Alessandro Franceschini

Razionale:

In un momento in cui la medicina rischia di concentrarsi unicamente sugli aspetti scientifici e tecnologici, è necessario ripristinare e promuovere l’importante rapporto che è sempre esistito tra la pratica medica e tutto l’ambito umanistico. Da sempre infatti, le scienze umane hanno offerto un apporto fondamentale allo sforzo di acquisire un’idea completa della malattia, delle cure mediche e dell’assistenza al malato; non per trovare una spiegazione, ma per un intendimento profondo della persona ammalata, a livello personale e sociale, al fine di favorire una maggiore comprensione empatica del sé, dell’altro e del processo terapeutico. “Sembra assurdo che i servizi nati per l’uomo debbano essere ricondotti ad una dimensione umana, perché l’hanno persa o mai l’hanno avuta. Eppure è questo l’unico obiettivo concreto, rimettere gli uomini e le donne al centro del sistema…” (A. Alesini).

Nel corso del convegno verrà dunque approfondito il contributo delle Medical Humanities all’arte della cura presentando, nello specifico, la metodologia d’intervento clinico-assistenziale rappresentata dalla Medicina Narrativa secondo quanto sancito nel corso della Conferenza di consenso - Linee di indirizzo per l'utilizzo della Medicina Narrativa in ambito clinico assistenziale per le malattie rare e cronico-degenerative, tenutasi nel 2014 nel corso del  II Congresso Internazionale: “Narrative Medicine and Rare Disease”, organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità con il CNMR (Centro Nazionale Malattie Rare). Seguirà una fase laboratoriale caratterizzata dall’approfondimento delle Visual Thinking Strategies applicate alla pedagogia medica, della letteratura e del teatro alla medicina e alla formazione dei professionisti della salute.

Allegati:

Grado di umanizzazione delle strutture di ricovero: eccezionali risultati per la Casa di Cura "Di Lorenzo" di Avezzano

La pubblicazione dei risultati relativi al grado di umanizzazione nelle strutture di ricovero abruzzesi, conferma l’impegno profuso in tal senso dalla Casa di Cura Di Lorenzo.

Il punteggio complessivo è superiore alla media regionale e raggiunge il massimo risultato nelle aree relative al rispetto della specificità della persona (punteggio 8,9) ed alla relazione con il paziente (punteggio 9,6), argomenti cui la Casa di Cura si è dedicata con estrema dedizione nell’ultimo biennio.

L’impegno del prossimo biennio è concentrato sulla ristrutturazione già in atto, per raggiungere il massimo punteggio anche nell’area riguardante il confort alberghiero ed i servizi al cittadino, pur mantenendo costante l’impegno sui risultati già raggiunti nelle altre aree di intervento.

I preziosi suggerimenti dei nostri pazienti/clienti potranno aiutarci a migliorare progressivamente, unitamente all'impegno del personale e della Direzione in un’ottica di miglioramento continuo teso alla SICUREZZA ED UMANIZZAZIONE delle cure!

Bollini Rosa TGR Abruzzo

 

 

La spalla tra riabilitazione e chirurgia

Grande partecipazione al congresso “La spalla tra riabilitazione e chirurgia” organizzato dalla Nova Salus e tenutosi  Il 25 novembre a Celano presso la sala convegni dell'Hotel “Le Gole”.

Molta soddisfazione è stata espressa dai numerosi partecipanti per lo spessore scientifico del tema trattato.

“Auspichiamo” commentano gli organizzatori che eventi di questo genere possano ripetersi con maggiore frequenza visto il considerevole impatto che hanno sulla formazione del personale sanitario”.