NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta di utilizzare i cookies per la navigazione del sito. Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono i Cookies

I cookies sono una sorta di "promemoria", brevi "righe di testo" contenenti informazioni che possono essere salvate sul computer di un utente quando il browser (es. Chrome o InternetExplorer) richiama un determinato sito web. Grazie ai cookies il server invia informazioni che verranno rilette e aggiornate ogni volta che l'utente tornerà su quel sito. In questo modo il sito web potrà adattarsi automaticamente all'utente migliorandone l'esperienza di navigazione.

A cosa servono i Cookies

I cookies sono principalmente utilizzati per:

  • Migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente all'interno del sito.
  • Fornire al gestore del sito informazioni in forma anonima sulla navigazione degli utenti anche per ottenere dati statistici sull'uso del sito e migliorare la navigazione.
  • I cookies possono anche veicolare messaggi pubblicitari.

I cookies tecnici

Per l'installazione dei cookies tecnici (di navigazione/sessione; di tipo "Analytics" e di funzionalità) non è richiesto il consenso dell'utente, ma solo l'obbligo di informativa. Sono fondamentali per navigare all'interno del sito utilizzando tutte le sue funzionalità, come ad esempio l'accesso alle aree riservate (Area Clienti). Senza questi cookies non sarebbe possibile fornire i servizi richiesti. Questi cookies non raccolgono informazioni da utilizzare per fini commerciali.

I cookies di profilazione

Sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete. Prevedono che l'utente esprima il suo consenso. L'utente può in qualunque momento negare il consenso e/o modificare le sue opzioni avvalendosi delle apposite sezioni di questa informativa estesa.

Cookies del nostro sito

Il sito dilorenzo.it fa uso esclusivamente di cookies tecnici, che permettono all'utente di utilizzare il sito in tutte le sue funzionalità.

Come disabilitare i cookies

Il sito web di "Di Lorenzo" funziona in modo ottimale se i cookies sono abilitati.
Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

Per informazioni su come modificare le impostazioni dei cookies seleziona qui sotto il browser che stai utilizzando:

Chrome - Firefox - Internet Explorer - Opera - Safari

Se disattivi i cookies, potresti disabilitare alcune funzionalità del sito.
Anche con tutti i cookies disabilitati, il tuo browser continuerà a memorizzare una piccola quantità di informazioni, necessarie per le funzionalità di base del sito.

Fragmenta Curae

Progetto in Medical Humanities e Medicina Narrativa, finalizzato a raccontare storie ed esperienze di malattia in luoghi di cura attraverso l’arte.

La premessa

"Considerando quanto sia comune la malattia, di quali proporzioni il mutamento spirituale che essa produce, quanto stupefacenti, allorché le luci della salute si spengono, i territori vergini che allora si schiudono, [...] appare davvero strano – scriveva Virginia Woolf – che la malattia non figuri insieme all’amore, alle battaglie e alla gelosia tra i temi principali della letteratura" (Sulla Malattia, 1930)

In effetti quell'insorta alterazione organica o funzionale che chiamiamo malattia è una delle esperienze più significative della vita di un essere umano. Eppure sembra doversi confinare fra le pareti degli ospedali, come se non avesse cittadinanza altrove, e allo stesso tempo pare che la medicina abbia svuotato la malattia da ogni altra risonanza non specificamente medica. Come se fosse possibile scindere l'uomo-malato dall'uomo-e-basta. Sebbene la tecnologia e l'iperspecializzazione della scienza medica rappresentino oggi una risorsa feconda, il processo di "cura" di una persona, di quella particolare persona, non può non passare per la complessità tutta dell'essere umano. E la produzione artistica, per sua natura, sa raccogliere bene questa complessità.

Il progetto

Ogni struttura sanitaria dovrebbe assumere l'impegno di accogliere il malato in uno spazio (fisico e umano) dove la dimensione personale degli individui venga rispettata e valorizzata. A questo scopo la Casa di Cura "Di Lorenzo" di Avezzano ha promosso il progetto Fragmenta Curae, finalizzato a restituire al mondo della sanità il volto dell'umanità, ossia delle singole persone che ne fanno parte, incoraggiando artisti, pazienti e professionisti della salute a raccontare l'esperienza della malattia attraverso lo strumento delle scienze umane, che da sempre costituiscono la lente di ingrandimento e la forma espressiva prediletta della dimensione della persona in quanto tale.

L'iniziativa intende dunque raccogliere testimonianze artistiche basate sul tema della sofferenza causata dalla malattia ed ispirate alla questione inerente l'umanizzazione dei luoghi di cura.

L'opera d'arte ha, in questa sede, un valore estetico, ermeneutico e terapeutico insieme.

I lavori che perverranno saranno infatti esposti e integrati nella struttura della clinica, non solo come decorazione degli spazi, ma come intervento funzionale di interpretazione del luogo di cura da parte degli autori. In questo modo la scienza medica si personalizza già a partire dallo spazio che abita, così abbellito e impreziosito.

Ma l'opera d'arte ha anche primariamente un significato terapeutico. La produzione e la fruizione artistica possono offrire una restituzione di senso. L'arte può dare voce all'esperienza profonda della sofferenza (la propria o quella dell'altro), che spesso invece resta inarticolata o muta, appiattita su una cartella clinica. E per dare voce a qualcosa o qualcuno (fosse pure sé stessi) bisogna prima saper ascoltare, capire, prendersi cura: è qui che l'arte si fa strumento di terapia e auto-terapia.

Promuovendo la collaborazione fra arte e medicina ed esplicitando la dimensione umana, talvolta subordinata al dato medicotecnico (che può rimanere sterile se disincarnato dall'umano che lo significa), il progetto vuole in definitiva far maturare una sempre più solida consapevolezza rispetto alla non scindibilità fra biologia e biografia, e una sempre più radicata sensibilità per la personalizzazione delle cure.

Il concorso

Le principali sezioni a concorso riguardano l'arte visiva e raccolgono opere pittoriche e fotografiche. Ma anche la narrazione, come prosa o poesia, rientra a pieno titolo nel progetto, sebbene in una sezione speciale.

Rappresentare o narrare l'esperienza di dolore è sempre comunque una strategia che aiuta il paziente a rimettere insieme le parti di quel sé che la malattia ha spesso prepotentemente frammentato. «Quando si è malati – scriveva la Woolf – le parole [e le immagini] sembrano possedere una qualità mistica« (ibidem), una densità, una potenza e una bellezza ancestrale, preziosissima.

Documentazione e informazioni

Presentazione del progetto Fragmenta Curae

Bando Fragmenta Curae

Responsabile scientifico del progetto: Dr. Alessandro Franceschini
Indirizzo organizzazione presso cui far pervenire le opere degli artisti finalisti: Casa di Cura Privata "Di Lorenzo", Via Vittorio Veneto, 37 - 67051 Avezzano (AQ) - Italia
Per info e comunicazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.